Elettroipersenisibilità (EHS)

Purtroppo non è ancora riconosciuta come malattia dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e, in generale, dalla comunità medico-scientifica stante “…la mancanza di evidenze scientifiche che forniscano parametri in grado di dimostrare il rapporto di causa-effetto tra sintomi e esposizione“. Tale posizione è però contestata da moltissime associazioni di malati nel mondo (fonte: Wikipedia)

Molto interessante lo sviluppo dell’argomento presente su Wikipedia, anche in lingua italiana:

In tutta sincerità (e con un approccio molto oggettivo) credo che la recente nascita (anche in Italia) di numerosissime associazioni di persone che soffrono di “elettrosensibilità” sia già di per sé un fatto e che la scienza medica, conseguentemente, ha il dovere di indagare adeguatamente sulla cosa.

Dal canto mio posso solo consigliare a chi soffre di questa “patologia” di adottare, nel frattempo, tutte le misure realisticamente possibili per ridurre e/o limitare l’esposizione a campi elettromagnetici (vedi anche la pagina “consigli cautelativi” di questo stesso sito).

Esistono, inoltre, su web, numerosi siti che propongono prodotti e soluzioni per chi soffre di elettrosensibilità. Fermo restando il consiglio generale di usare prudenza nell’accettare “tout-court” le soluzioni proposte senza adeguato riscontro e/o verifica, io ho trovato un sito israeliano che propone numerosi prodotti specifici per chi soffre di EHS.

Il sito è: http://www.4ehsbyehs.com/

Tenete presente che gli eventuali acquisti saranno sottoposti, al loro arrivo in Italia, a tasse doganali.

A titolo di prova ho personalmente acquistato un loro prodotto, un cappellino da baseball (http://www.4ehsbyehs.com/protection-clothes/rf-protection-hat/emf-rf-protection-color-baseball-hat) contenente una schermatura in “Shielding 240″, da loro commercializzata e composta (oltre a cotone e poliestere) dal 29% di filiato schermante in acciaio inox (c’è anche la versione in filo d’argento).

L'etichetta del cappellino

L’etichetta del cappellino

Ecco gli interessanti risultati del mio personale test (molto spartano ma eloquente) del prodotto:

Misura campo EMF (in V/m) di una base telefonica DECT senza protezione

Misura del campo EMF (in V/m) di una base telefonica DECT senza protezione

La semplice sovrapposizione del cappellino ha ridotto del 50% il campo misurato

La semplice sovrapposizione del cappellino ha ridotto del 50% il campo misurato

FacebookTwitterGoogle+LinkedInCondividi